2 orchestre e 3 cori

Publicité

francais
italien
anglais
allemand

Dall'anno della sua fondazione, il 1983, il COGE è cresciuto.... Nel 1989 è stata avviata una formazione cameristica, profondamente ristrutturata durante la stagione 2003/2004, e, nel 2004, ha visto la luce l'Ensemble Vocale. Oggi il COGE conta 2 orchestre e 3 cori tra loro diversi e complementari ma tendenti ad un medesimo obiettivo: permettere ad ogni studente ed ad ogni musicista di vivere un'esperienza musicale appagante.

Un'unica associazione

Il COGE è la sola associazione studentesca che conti al suo interno diverse formazioni indipendenti. La Formazione Sinfonica e la Formazione da Camera hanno infatti ognuna la propria orchestra e il proprio coro e due programmazioni indipendenti. Se alcuni cogisti partecipano a più di un ensemble contemporaneamente, la maggioranza di loro ne sceglie solamente uno. In questo modo il COGE conta 2 orchestre e 3 cori aventi ognuno esigenze, caratteristiche, atmosfere e tradizioni diverse... è una delle grandi forze del COGE.

Poichè questa forza potrebbe facilmente ritorcersi contro l'associazione nella fase di recrutamento, quando si potrebbe verificare una carenza di organico di una formazione a vantaggio di un'altra, il COGE favorisce il più possibile la differenziazione e la complementarità delle sue 5 formazioni. Tutto ciò si concretizza in una programmazione, in un recrutamento e un lavoro musicale diverso per ogni formazione.

Inoltre, l'esistenza di questi 5 ensambles complementari crea una vera e propria mobilità in seno all'associazione, permettendo ad ogni cogista di cambiare formazione per trovare una risposta più adeguata allo sviluppo delle sue aspirazioni musicali e, quindi, di partecipare ad una formazione più conforme alle sue aspettative.

ritorno all'indice

La Formazione da Camera

la Formazione da Camera è nata nel 1988 dal desiderio di un gruppo particolarmente motivato ed esperto di strumentisti della Formazione Sinfonica (che contava allora 90 strumentisti e più di 200 coristi) di fare musica in organico più ridotto. Oggi questa formazione conta 40 strumentisti e 60 coristi.

La formazione da Camera è stata profondamente restrutturata nel corso della 21ema stagione 2003/2004. Si trattò infatti di meglio differenziarla rispetto alla formazione sinfonica in modo da allargare l'offerta del COGE che divenne così capace di offrire una formazione per i musicisti più esperti e motivati dell'Associazione. A tal fine, a partire dalla 21ema sgione, sono state previste delle audizioni per tutti coloro che desiderino partecipare al coro o all'orchestra da camera.

Precedentemente limitata ad un solo programma, la stagione della Formazione da Camera è passata a 3 programmi nel corso della 21ema stagione 2003/2004 e, a partire dalla stagione seguente, la ripartizione dei concerti è stata riorganizzata: il primo programma viene eseguito a metà dicembre, il secondo a fine marzo e il terzo a fine giugno.

Questo percorso artistico ha permesso l'esplorazione di opere complesse e raramente affrontate da formazioni amatoriali. Tra i programmi recenti, la Formazione da Camera ha interpretato le Danse di Galanta di Kodaly e l'Amor stregone di De Falla, due opere del 20emo secolo unanimemente riconosciute come particolarmente difficili dal punto di vista tecnico. Nel giugno 2004, in occasione di due concerti di beneficenza, ha eseguito la Messa di Gloria di Rossini, un opera di raro ascolto. Infine, nel corso della 22ema stagione 2004/2004 dedicata al tema dell'Europa, ha affrontato un programma di musica leggera che ha incluso il Pipistrello de Johann Strauss Jr. e interpretato la 9a sinfonia di Beethoven.

Ritorno all'indice

La Formazione sinfonica

La Formazione Sinfonica è stata per dieci stagioni la sola formazione del COGE. Nata nel 1982 dalla fusione dei cori dell'Ecole Polytechnique e di HEC, si è dotata presto di un'orchestra, composta anch'essa da studenti. I suoi organici si sono ampliati lungo il corso degli anni grazie all'apertura alla totalità degli studenti delle Grandes Ecoles e delle Università parigine, fino a raggiungere un organico di 220 coristi e di 100 orchestrali.

L'obiettivo di questa formazione è sempre stato il medesimo: proporre ad ogni studente la possibilità di cantare sotto la bacchetta di direttori professionisti in occasione di concerti svolti in luoghi prestigiosi a Parigi e all'estero. Per rispondere a questo obiettivo, l'ammissione alla formazione sinfonica non richiede un'audizione.... ma quantomeno una buona formazione musicale per gli strumentisti e, per tutti, una buona motivazione.

Sulla base di queste caratteristiche la formazione sinfonica ha potuto allestire dei progetti particolarmente ambiziosi. Il suo primo concerto si tenne il 29 maggio 1984 alla Salle Pleyel dove fu eseguita la Missa Sancti Nicolai di Haydn.

La seconda stagione 1984/1985, segnò il passaggio a due programmi per stagione, il secondo dei quali dette luogo a due concerti alla Salle Pleyel e una tournée in Francia e all'estero. Brani come Ein deutsches Requiem di Brahms, il Requiem di Verdi, Elias di Mendelssohn sono stati parte del suo repertorio.

Dal 1992 al 1996 il primo programma fu escusivamente sinfonico, mentre il secondo riuniva coro e orchestra nell'occasione ormai tradizionale dei concerti alla Salle Pleyel e delle tournée all'estero. Il 1994 fu l'anno in cui La Formazione Sinfonica esegui la prima francese della SInfonia "Kaddish" di Leonard Bernstein.

A partire dalla stagione 1996/1997, la struttura della progrmmazione della formazione sinfonica si stabilizza: coro e orchestra daranno un concerto in gennaio e uno in giugno. La Cr?eazione di Haydn, il Requiem di Dvorak, la Sinfonia n. 7 di Beethoven, Alexander Nevski di Prokofiev, i Rome?o e Giulietta di Prokofiev e Tcha?kovski così come le Danze polovesiane di Borodin saranno parte della programmzione della formazione sinfonica.

Torna all'indice

L'Ensemble vocal

A partire dal mese di ottobre 2004, l'associazione, che contava già una Formazione Sinfonica e una da Camera, si è dotata di un Ensemble Vocal costituito da 16 cantanti. L'Ensemble Vocal del COGE si è dato come obiettivo l'esplorazione del repertorio corale a cappella, e più particolarmente il vasto corpus offerto dal periodo antico e barocco.

Sotto la direzione di Nicolas Pommier, il loro direttore, i coristi dell'Ensemble Vocal affrontano dei capolavori come il celebre Jesu, meine Freude di Johann Sebastian Bach e Hear My prayer di Henry Purcell, ma anche delle opere sconosciute e raramente proposte in concerto, come la Missa quatuor vocum di Domenico Scarlatti, il Crux fidelis di Joao IV di Portogallo. L'Ensemble Vocale cerca non soltanto un suono che gli sia proprio, ma anche che gli permetta di servire al meglio ogni pezzo, nel rispetto dello stile e delle intenzioni del compositore.

Il programma della stagione 2004/2005, sotto il titolo Europa Cantat sposa perfettamente la tonalità generale di questa 22ema stagione del COGE, interamente consarata all'Europa. Europa Cantat vuole essere un percorso coerente sia nel tempo (temi comuni a differenti compositori) e nello spazio (peregrinazioni attraverso l'europa del rinascimento e del barocco, dalla musica francese a quella tedesca, passando per il repertorio franco-fiammingo, inglese o italiano. Un vero invito al viaggio!

L'Ensemble Vocal ha partecipato alla produzione lirico-sinfonica di Starmania, svoltasi al palazzo dei congressi di parigi dal 22 gennaio al 4 febbraio 2005.

Ritorna all'indice

 

Ultima modifica mercoledì 7 maggio 2008.